Il banchetto.

Presso i locali o in casa che sia il banchetto deve essere arredato come dio comanda. Capisco bene l’importanza del risparmio ed è proprio per questo motivo che la prima cosa da fare è individuare le cose indispensabili da quelle superflue o di contorno.
Data dell’evento, ristoranti, locali eccetera eccetera ma se la decisione finale verte sull’ organizzazione di una festa “fai-da-te”  allora in questo caso possiamo davvero sbizzarrirci ed iniziare a pensare e coordinare tutto dalla A alla Z, dando sfogo alla propria fantasia e creatività.
È bene farsi un’idea fin da subito di quanti saranno gli invitati totali (proprio sicuri di non avere dimenticato qualcuno? Non sottovalutiamo eventuali sorprese o infiltrati speciali) e non dimentichiamoci di informarci se tra i nostri ospiti potrebbero esserci esigenze particolari, tipo menù vegetariano, vegano o per celiachia, onde evitare davvero spiacevoli sorprese.
Melius abundare quam deficere, credetemi che non è il massimo sentire chiacchiere del tipo che siamo stati “misurati” o “tirati” con le vivande.
Poi per carità, questo non significa che si debba eccedere in sprechi od ostentare la sfarzosità; l’obiettivo oggi giorno è infatti quello di organizzare con decoro tenendo d’occhio i costi. Ecco perché una Planner può tornare più che utile in queste situazioni ed è una valida consigliera.
Quindi avanti tutta con l’organizzazione!
In fondo è così divertente scegliere ed accostare i colori, valutare il tovagliato, le posate utili in funzione del menù, bicchieri, piatti, addobbi, fiori o festoni, candele e tutto quello che ci viene in mente per rendere i nostri desideri concreti. Un’idea? Carta e matita e mettiamoci all’ opera per abbozzare il nostro banchetto, la nostra festa.